Vogliamo raccontarvi una bella storia, che lascia intravedere una speranza verso un futuro più bello e armonioso per la vita di tutti. Qualche giorno fa abbiamo conosciuto un piccolo allevatore della Romagna che ha un allevamento Biologico di animali nelle colline dell’Appennino tosco-romagnolo. Niente di strano fin qui, ce ne sono diversi di piccoli allevatori e agricoltori Bio in Romagna, come in ogni angolo d’Italia. Ma la cosa che invece fa sognare è questa: il proprietario di questo allevamento è riuscito ad aprire un punto vendita (reparto carni) all’interno di un supermercato Eurospin della sua cittadina. Riuscite a capire la meraviglia di questa cosa? I gestori del supermercato hanno preferito lui alle carni industriali che arrivano da Italia, Francia, Olanda e Germania ma di allevamento intensivo. Chi fa la spesa in quel supermercato è gente della cittadina, che al posto di mangiare carni industriali potrà mangiare cibo biologico e locale. Un esempio davvero virtuoso, a cui guardare con speranza e da replicare in altre città. Ma quanti gestori di supermercati tradizionali hanno oggi questa mentalità illuminata? Ancora pochi…perchè ancora pochi sono i consumatori che cercano e rivendicano un cibo locale più sano e con meno impatto ambientale. Dobbiamo parlare di questi casi virtuosi, perchè parlarne significa già moltiplicarli, e chiedere noi stessi di continuo che ci sia un ritorno verso cibi più naturali e locali. Chiedere ad alta voce, senza timore!

In foto: i bovini dell’azienda agricola biologica dell’appennino tosco-romagnolo

I mercati dei produttori locali e i gruppi di acquisto

I mercati paralleli degli agricoltori locali e l’acquisto con i Gruppi di acquisto solidale (GAS) sono l’alternativa alla Agricoltura intensiva che devasta il pianeta, sfrutta le persone e gli animali e crea profitto per le multinazionali ai danni della salute delle persone.

Sia i mercati dei piccoli produttori locali che i GAS sono realtà diffuse e consolidate in tutto l’Occidente, anche oltreoceano (famosi i Farmer’s Markets negli USA).

In Italia sono nate già delle piccole realtà virtuose che seguono questo modello alternativo e parallelo di produzione del cibo sano. Aiutiamo queste persone e aziende coraggiose a crescere e a colonizzare la società. Cambiare si può, e passare ad un modello economico diverso si può!

Ma dipende da ognuno di noi, dobbiamo fare la nostra parte per far crescere il nuovo modello alternativo. Se noi acquistassimo soltanto i loro cibi, allora i supermercati e le aziende intensive calerebbero il fatturato. I piccoli produttori si moltiplicherebbero in tutto il territorio perchè quello sarebbe il modello economico in sviluppo negli anni a venire. Tanti piccoli produttori sparsi in ogni provincia, al posto di pochi grandi stabilimenti produttivi intensivi. E’ questa la sostituzione virtuosa che dobbiamo supportare e portare avanti con tutte le nostre forze.

Come un virus che deve moltiplicarsi e infettare (colonizzare) tutto il Paese. Ma sarebbe un virus che porta benessere e salute. Ogni rivoluzione inizia dal piccolo e poi diventa una grande realtà.

👉 Con Cibo Serio supportiamo i piccoli produttori locali di ogni regione d’Italia. Vuoi saperne di più e conoscerli? Ti piacerebbe provare l’esperienza di andare a fare la spesa direttamente da loro?
PROVA il nostro corso di spesa consapevole FOOD SHOP ASSISTANT, avrai a disposizione l’elenco dei piccoli produttori virtuosi della tua zona: https://ciboserio.it/food-shop-assistant/