Zucchero vietato ai bambini fino ai 2 anni, ridotto anche dopo. Queste le raccomandazioni recenti pubblicate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS),  che lancia l’allarme: se volete che vostro figlio cresca in salute non date zucchero prima dei 2 anni. E anche dopo, fino ai 18, l’apporto di zucchero dev’essere limitato a 25 grammi al giorno. Se pensiamo però che in commercio esistono dei lecca lecca che hanno ben 65 grammi di zuccheri al loro interno, c’è da chiedersi come mai all’industria alimentare non vengano dati dei limiti più stringenti di quelli attuali per la produzione degli alimenti tipici per i bambini…!!

FONTE: http://www.who.int/nutrition/publications/guidelines/sugars_intake/en/

L’Organizzazione Mondiale della Sanità rilancia una ricerca pubblicata dall’American Hearth Association http://newsroom.heart.org/news/children-should-eat-less-than-25-grams-of-added-sugars-daily che è riuscita a dimostrare come far mangiare dei cibi zuccherati ai neonati possa comportare una serie di ripercussioni, anche gravi, sul lungo periodo.

Leggi anche: http://www.repubblica.it/salute/alimentazione/2016/08/23/news/_non_date_zucchero_ai_vostri_bambini_vietati_fino_ai_2_anni_dolci_e_bibite_gasate-146464582/

Pertanto, dare ai bambini alimenti come quello che vediamo qui in foto è un gesto completamente errato che arreca danno alla salute di nostro figlio, come anche dargli merendine confezionate in quanto sono tutte molto (troppo) ricche di zucchero. Idem per lecca lecca, caramelle, dolciumi vari, succhi di frutta con lo zucchero aggiunto, frappè, Happy Meal, yogurt zuccherati e molto altro.

I 5 errori più comuni

Ecco le 5 “dolci debolezze” più comuni delle mamme italiane:

  1. Concedere un dolce come premio per il comportamento corretto, abitudine più comune nelle famiglie italiane, radicata nella nostra tradizione. Un comportamento tutt’altro che educativo.
  2. Adattare la dieta del bambino a quella della famiglia dopo il primo anno di età.
  3. Aggiungere lo zucchero come soluzione per accentuare il sapore di alimenti che, secondo il proprio gusto adulto, si pensa non siano apprezzati dal bambino.
  4. Sottovalutare l’impatto della nutrizione sul benessere futuro dei nostri bambini
  5. Leggere poco attentamente le etichette. È importante scegliere i prodotti specifici per la prima infanzia, facendo molta attenzione al contenuto di zuccheri riportato in etichetta.

Attenzione anche alle tisane per neonati, quelle al finocchietto per esempio, che contengono oltre il 95% di zucchero, e ai prodotti solubili tipo Nesquik, con oltre il 70% di zucchero aggiunto.

Ritorniamo ad educare i bambini al gusto dolce naturale degli alimenti come la frutta, le spremute, il cocco, i datteri, i biscotti fatti in casa senza zucchero o con poco zucchero, il miele

——
‼️ SCOPRI DI PIU’ sugli alimenti dell’industria alimentare oggi in commercio, ECCO 3 STRUMENTI di educazione alimentare con cui Cibo Serio smaschera tutti gli inganni e aiuta il consumatore a fare una spesa consapevole ??
.
?1️⃣ Se vuoi approfondire la questione delle etichette e delle filiere alimentari, iscriviti al Corso ONLINE “A LEZIONE DI ETICHETTA” di Cibo Serio: https://ciboserio.it/corso-di-formazione-online-a-lezione-di-etichetta/
.
?2️⃣ Se sei interessato all’educazione alimentare e ai consigli di spesa c’è a tua disposizione il Corso di spesa consapevole FOOD SHOP ASSISTANT https://ciboserio.it/food-shop-assistant/
.
?3️⃣ Se ti piace leggere e approfondire i principi della nutrizione e i segreti del cibo in commercio, prova i libri e dispense di Cibo Serio https://ciboserio.it/ebook/