Farina integrale bio di Teff bianco, Hygeia Srl, CONAD

è una farina SENZA GLUTINE, si ricava dal cereale più piccolo al mondo come chicco e pertanto è sempre integrale in quanto non è possibile separarne le varie componenti e raffinarla. Il Teff è un cereale molto diffuso in Etiopia ed Eritrea, dove è un ingrediente prezioso della cucina locale. E’ una farina ricca di vitamine, fibre (ben 8 grammi di fibre, come il frumento integrale all’incirca) e calcio. E’ perfetta per impasti come pasta frolla, brisée, biscotti e crespelle (pancakes)! Ma si può usare tranquillamente anche per fare il pane senza glutine. Questo prodotto ha un prezzo di vendita molto elevato (4,99 euro la confezione da 150 grammi!!), essendo un cereale raro e poco coltivato nel Mondo. In commercio si trovano due tipi di farina di teff. La farina bianca o avorio, più pregiata, ha un aroma più dolce e delicato che ricorda la castagna. Il suo profumo di crosta di pane la rende particolarmente apprezzata dai celiaci, e adatta a realizzare pani veloci e con poca mollica. La farina scura ha aromi decisi e sentori rustici, che richiamano la frutta secca a guscio; perfetta per preparazioni che utilizzino noci o nocciole oltre che cioccolato, i cui aromi e profumi risultano esaltati, è ottima anche per pietanze con spezie e ingredienti affumicati. Essendo integrale, la farina di teff ha un alto contenuto di oli: è consigliabile conservarla in luoghi refrigerati o addirittura in freezer.

Il teff (Eragrostis tef) è un cereale il cui chicco, di vari colori (bianco, rosso o marrone scuro), è caratterizzato da una dimensione ridottissima, molto più piccola di un seme di papavero (ne occorrono 3000 chicchi per fare un grammo…). Ed è proprio per la dimensione minuscola, che le popolazioni seminomadi di Eritrea ed Etiopia ne hanno fatto un elemento alla base della loro alimentazione: ne basta infatti mezzo chilo per produrne, in solo 2 settimane, una tonnellata. Inoltre il teff ha la capacità di cuocere in brevissimo tempo, e quindi necessita di un minor quantitativo di combustibile, elemento da non sottovalutare in un’economia di sicuro non agiata.