Zenzero fresco biologico

Zenzero fresco BIO, origine Perù, in vendita nei supermercati BENNET. Uno dei prodotti più rivoluzionari per la salute, che nel mondo occidentale abbiamo scoperto solo da pochi anni. Lo zenzero fresco si usa a fette dentro le tisane o il tè, si può grattuggiare a scaglie nelle insalate o nelle vellutate (ad esempio in autunno-inverno è di stagione la zucca e quindi si può usare nelle vellutate di zucca), si può aggiungere nelle zuppe in genere sempre grattuggiato, sul pesce, sui risotti.

Si può usare anche a pezzi da mettere nell’estrattore quando si preparano dei succhi o centrifugati: https://www.agrodolce.it/2017/08/21/centrifugati-detox-con-lo-zenzero/ Prima regola da ricordare: controllare da dove proviene lo zenzero quando lo acquistate al supermercato, a volte troverete la provenienza dalla Cina. E’ sconsigliabile acquistare zenzero cinese, come qualsiasi altro alimento che provenga dalla Cina, in linea di principio. Oggi in Cina le sofisticazioni alimentari sono all’ordine del giorno, la loro economia è industriale al massimo grado e producono un sacco di alimenti con metodi a dir poco criminali e frausolenti. Evitiamo lo zenzero cinese!

Approfondimento sullo zenzero: Lo zenzero è reperibile in qualsiasi mercato o supermercato, uno straordinario alimento della stessa famiglia della curcuma, con molte proprietà curative ed effetto dimagrante. Lo zenzero è una spezia impiegata da millenni nelle pratiche ayurvediche orientali, che le attribuiscono qualità quasi miracolose. Oggigiorno sta conoscendo un’ampia diffusione anche da noi in Occidente, dove viene usato in cucina per insaporire pietanze e dolci, ma soprattutto nell’ambito della Fitoterapia e Medicina, dove viene impiegato per alleviare e curare alcune malattie e disturbi legati al sistema gastrointestinale e nevralgico. Lo zenzero è composto da più di 300 elementi chimici tra oli essenziali, pectine, fenoli, mucillagini, antiossidanti…ed ognuno di questi ha un effetto benefico sul nostro corpo. Lo zenzero aiuta a velocizzare i processi di digestione grazie alla presenza del gingerolo che riequilibra l’acidità gastrointestinale e nelle giuste dosi aiuta a contrastare i bruciori di stomaco. Grazie alle proprietà antibatteriche contrasta l’eccessiva presenza dell’helicobacter pilori, un batterio responsabile di cattiva digestione, reflussi gastrici, ulcera e gastrite. Chi soffre di ulcere, gastriti o calcoli biliari deve però fare attenzione perchè un eccesso di gingerolo, presente in alte dosi nella radice, aumenta la secrezione biliare ed è quindi controindicato per la patologia. Lo zenzero inoltre contrasta in modo naturale il senso di nausea ed è quindi utile per chi soffre di mal d’auto, aereo o nave, e per la nausea delle donne in gravidanza (per tale scopo basta annusare oppure masticare o semplicemente tenere in bocca una fettina di zenzero). Infine gingerolo e zingiberene aiutano a riequilibrare la flora batterica e sono così di grande aiuto contro diarrea, stitichezza e meteorismo. Gli impacchi caldi di zenzero sono molto utili contro dolori reumatici e muscolari dovuti a strappi, distorsioni e cadute. La radice infatti ha proprietà decongestionanti, astringenti e coagulanti che favoriscono l’assorbimento del trauma e contrastano l’insorgere del gonfiore. Lo zenzero si oppone efficacemente al mal di denti e al mal di testa, contrasta infatti l’azione dei mediatori dell’infiammazione nell’organismo. In pratica, un vero e proprio farmaco naturale!