Zucchero: altera la risposta del sistema immunitario contro batteri e virus

Una dottoressa americana (medico) di nome Nancy Appleton, ha studiato a fondo per anni gli effetti dello zucchero e di altri zuccheri come il fruttosio, il miele ecc., sul funzionamento del corpo umano. Nel 1988 ha scritto un libro sullo zucchero che è diventato un Best Seller nel mondo, dal titolo “Lick the sugar habit” in cui ha raccolto 77 motivi per cui lo zucchero rovina la salute (nel frattempo, ad oggi, sono diventati 146 i motivi alla luce delle nuove scoperte scientifiche che la dottoressa continua a studiare e analizzare).

Fra i 77 motivi per cui lo zucchero può danneggiare la salute, il primo elencato riguarda gli studi scientifici che mostrano un indebolimento immunitario nei globuli bianchi, causato dalla assunzione di zucchero. Questo effetto di indebolimento si protrae per 5 ore dopo l’assunzione di un pasto ricco di zuccheri, o meglio dopo una assunzione pari a 100 grammi di zucchero, oppure a 100g di fruttosio, miele, glucosio o succo d’arancia! Questo effetto di depotenziamento del sistema immunitario a carico dei globuli bianchi non si verifica invece dopo l’ingestione di 100 grammi di amido, quindi di cibi come pane, pasta o patate, che contengono amidi cioè carboidrati (zuccheri) a più lento assorbimento nell’organismo, chiamati carboidrati complessi, che si differenziano dai carboidrati semplici che sono gli zuccheri citati pocanzi. Molto interessante no? Mangiare pane e mangiare zucchero non è la stessa cosa e non produce gli stessi effetti dannosi a carico del nostro metabolismo e in particolare del sistema immunitario, anche se alcune correnti e filosofie alimentari demonizzano pane, pasta, pizza e carboidrati in genere, la scienza della Nutrizione e gli esperimenti di laboratorio ci dicono che non è affatto così.

Se volete leggere il riassunto dello studio scientifico che dimostra come lo zucchero indebolisce i globuli bianchi, potete trovarlo a questo link: https://academic.oup.com/ajcn/article-abstract/26/11/1180/4732762

In particolare, in questo studio si misura la capacità dei globuli bianchi di combattere un batterio specifico che causa una infezione nell’organismo, lo Staphylococcus epidermidis, senza l’assunzione dello zucchero e con l’assunzione dello zucchero. Il risultato è che dopo aver mangiato zucchero i globuli bianchi perdono la capacità di attaccare e distruggere il batterio in questione.

Se si assume zucchero di mattina, pomeriggio e sera, l’organismo resta cronicamente in uno stato di caos che alla lunga diventa nocivo. Inoltre, lo zucchero è un killer di nutrienti, cioè provoca la perdita dall’organismo di sostanze nutritive molto importanti come i minerali, ad esempio magnesio, cromo, ferro, rame! Alcuni nutrienti sono neutralizzati dallo zucchero nel processo metabolico.