Purtroppo ancora no, per molte categorie di alimenti! L’indicazione dell’origine della materia prima è un’informazione che i consumatori chiedono a gran voce, soprattutto quando scoprono che la scritta “made in Italy” viene apposta anche su prodotti che in Italia hanno subito solo “l’ultima trasformazione sostanziale”, come ad esempio nel caso del prosciutto (cotto e crudo), che nasce all’estero da allevamenti di bestiame dell’Est Europa e poi viene importato e lavorato in Italia.

Al momento, nonostante negli ultimi tempi siano stati fatti dei passi in avanti nella normativa europea, al fine di garantire maggiormente l’interesse dei consumatori circa l’origine del cibo, non esiste l’obbligo di indicarne la provenienza per una serie di alimenti quali: pane, salumi e insaccati, birra, preparati di carne (hamburger, arrosti), carne di coniglio, carne di cavallo, carne trasformata (ad es. ripieno di ravioli, ragù, carne in scatola), sughi pronti, prodotti da forno, concentrato di pomodoro, frutta inscatolata, eccetera…

“Insieme allo stabilimento di lavorazione – sostiene la Coldiretti – va al più presto prevista l’indicazione obbligatoria in etichetta per tutti gli alimenti anche dell’origine degli ingredienti che è di gran lunga considerato l’elemento determinate per le scelte di acquisto dal 96% dei consumatori. Una battaglia per la trasparenza condotta dalla Coldiretti che ha portato molti risultati anche se – continua la Coldiretti – oltre 1/4 della spesa degli italiani è ancora anonima con l’etichetta che non indica la provenienza degli alimenti, dai salumi ai succhi di frutta fino alla carne di coniglio. Due prosciutti su tre venduti oggi in Italia provengono da maiali allevati all’estero senza che questo venga evidenziato chiaramente in etichetta dove non è ancora obbligatorio indicare l’origine, come avviene anche per il fiume di 200 milioni di chili di succo di arancia straniero che valica le frontiere e finisce nelle bevande all’insaputa dei consumatori perché l’ etichettasottolinea la Coldirettinon lo dice”.

Possiamo comunque riuscire a conoscere l’origine delle materie prime e degli ingredienti dei cibi che acquistiamo e consumiamo ogni giorno? Si, è possibile! Grazie al lavoro di ricerca e di catalogazione che Cibo Serio esegue di continuo attraverso strumenti di analisi più approfonditi della semplice indicazione in etichetta, puoi conoscere l’origine di tantissimi prodotti di qualità selezionati all’interno del nostro Servizio di spesa consapevole FOOD SHOP ASSISTANT: https://ciboserio.it/food-shop-assistant/

Per saperne di più sui prodotti alimentari che metti in tavola ogni giorno leggi anche i nostri libri di Educazione Alimentare Cibo Serio e Inganno Alimentare: https://ciboserio.it/ebook/