Partiamo dall’analisi degli ingredienti dei due prodotti, il punto di partenza che sempre occorre individuare per giungere ad un giudizio nutrizionale corretto sul cibo

Ingredienti Nutella

zucchero,
olio di palma
nocciole (13%),
cacao magro (7,4%),
latte scremato in polvere (6,6%),
siero di latte in polvere,
emulsionanti: lecitine (soia),
aroma: vanillina (o vaniglina)

Ingredienti Nocciolata Rigoni

zucchero di canna*,
pasta di nocciole 16%*,
olio di girasole*,
latte scremato in polvere*,
cacao 6,5%*,
burro di cacao*,
lecitina di girasole,
estratto di vaniglia*

* l’asterisco indica che il prodotto o sostanza è biologico.

Facciamo notare subito che entrambi i prodotti hanno 8 ingredienti, che lo zucchero è il primo ingrediente per entrambi anche se Nutella usa lo zucchero bianco (di barbabietola da zucchero) mentre Rigoni usa lo zucchero di canna (raffinato anch’esso, ma da canna da zucchero). La Nutella ha più olio vegetale (di palma) rispetto a Rigoni, è questo è un punto a favore della Rigoni, che al secondo posto nella lista ingredienti presenta la pasta di nocciole. Entrambi i prodotti però contengono olio vegetale raffinato, non di certo benefico per l’organismo, in quanto ottenuto con metodi di estrazione ad alte temperature e poi raffinato. L’olio di girasole raffinato (non spremuto a freddo) è altrettanto nocivo dell’olio di palma, contiene una quantità elevata di acidi grassi ossidati in forma trans, dunque sono grassi idrogenati! Le nocciole sono più o meno uguali in quantità: nutella ne mette il 13% e Rigoni il 16%. In pratica, come cercare un ago in un pagliaio….

Entrambi i prodotti poi usano il latte in polvere mentre per quanto riguarda gli aromi la Nutella usa aromi veri e propri e invece la Rigoni usa l’estratto di vaniglia, sicuramente superiore a livello nutrizionale in quanto si tratta di vaniglia vera a e propria e non di un aroma prodotto in laboratorio come quello di Nutella. Detto questo, i 2 prodotti a nostro avviso si equivalgono e non vediamo nessun vincitore alla fine. Ovviamente la Nocciolata costa di più perchè impiega materie biologiche, ma non vi ritroviamo una qualità nutrizionale superiore nel complesso.

Due parole sulla vanillina

La vanillina (o vaniglina) è la molecola che impartisce alla vaniglia il suo tipico profumo. Viene principalmente usata per coprire gli odori, come l’odore di lievito naturale in pasticceria, e per invogliare al consumo del prodotto, specialmente nei prodotti dolciari (dà dipendenza compulsiva in pratica). Trova massiccio impiego nell’industria alimentare per aromatizzare i dolci da forno (le cosiddette “merendine”), torte e creme, gelati, liquori ecc. (sui prodotti in vendita spesso viene semplicemente dichiarata in etichetta sotto la dicitura “aromi”) ed è parte della preparazione di molte varietà di cioccolato. In commercio la si trova sotto forma di polvere bianca, venduta in bustine, oppure come liquido da usarsi a gocce, contenuto in fialette.

Giudizio nutrizionale e di educazione alimentare

a nostro avviso entrambi i prodotti non sono favorevoli alla buona salute nè adatti per una alimentazione corretta. Contengono tanto zucchero, inoltre hanno aromi come la vaniglina che danno una fame compulsiva e non apportano alcun beneficio nutrizionale, aromi inseriti solo appunto allo scopo di rendere il consumatore “dipendente” e assuefatto al prodotto. Infine entrambi i prodotti non apportano una quota importante di nocciole. Il consiglio quindi è quello di rivolgersi ad altre creme alla nocciola e cacao di migliore qualità, come ad esempio la Crema Novi (ma non solo, oggi ce ne sono parecchie di valide sul mercato) creme di qualità di cui abbiamo già parlato sia all’interno del nostro servizio FOOD SHOP ASSISTANT, sia nel libro “Inganno Alimentare”, oppure di prepararsi in casa una crema fatta con tanta nocciola e ingredienti più di qualità, senza latte in polvere e senza olio vegetale raffinato, magari usando solo il burro di cacao o dell’olio non raffinato di cocco.

—————————————–
Per una analisi più dettagliata e completa su etichette alimentari e prodotti, rimando alla lettura dell’e-book Inganno Alimentare, una guida apposita che vi conduce alla consapevolezza di acquisto e alle scelte giuste di spesa: https://ciboserio.it/prodotto/inganno-alimentare/ 

———————–

Ti piacciono i post di Cibo Serio? Ricevili tutti su Whatsapp, iscrivendoti GRATIS al nostro Servizio consigli e news su Whatsapp