Questo è un salmone d’allevamento, il pesce che troviamo nella stragrande maggioranza dei prodotti a base di salmone presenti in commercio, a cominciare dagli omogeneizzati di pesce per neonati. Lo si impiega anche nei tranci e filetti che compriamo in pescheria e al supermercato, magari già grigliati, e infine è il pesce usato nel Sushi e nel nigiri dei ristoranti con la formula All you can eat oggi molto di moda. La sua pelle è fatta a brandelli dalle malattie e dal pidocchio di mare (le foto in questo articolo sono tratte dai documentari di inchiesta recentemente fatti da associazione ambientaliste in Europa, come North Atlantic Salmon Fund), in quanto i salmoni sono tenuti in gabbie chiuse in mare che contengono fino a 200 mila pesci ciascuna, costretti a vivere una vita innaturale e senza abbastanza spazio di movimento, e per questo si ammalano di continuo. Vengono somministrati regolarmente antibiotici per ridurre le malattie. Le aziende che allevano salmoni negano di fare questi trattamenti chimici e antibiotici, ma mentono. Gli allevamenti di salmone sono infestati dai pidocchi di mare, che resistono a qualsiasi sostanza chimica. Un solo prodotto ormai funziona contro questi pidocchi: il Diflubenzuron, un insetticida potenzialmente cancerogena per l’uomo, secondo l’Agenzia per la Sicurezza alimentare europea (EFSA): Comunque, è autorizzata sia in Agricoltura che nell’allevamento dei salmoni norvegesi. Sarebbe logico valutare scientificamente il rischio per chi consuma il salmone di allevamento, invece i politici europei preferiscono agevolare gli interessi dei produttori.

La carne dei salmoni allevati viene colorata

La carne dei salmoni allevati è di colore grigio rosa pallido, non arancione come quella del salmone selvaggio, perchè non si nutre di pesci del mare, gamberetti e altri crostacei, ma di mangimi animali e di soia. Qualche giorno prima della macellazione si somministrano degli additivi chimici o integratori per colorare la carne dei salmoni di colore rosso o arancione.

Il documentario RAI del 2017 sul salmone norvegese da allevamento

Nel 2017 la RAI ha prodotto un documentario riguardante gli allevamenti di salmone in Norvegia, che mostra come il pesce proveniente da questi allevamenti sia fortemente nocivo per la salute di tutti e in particolar modo dei bambini.

“25 chili di pesce a testa in un anno, tanto ne consuma in media un italiano. Il più amato è il salmone che non è esattamente quello che vediamo risalire la corrente nei documentari naturalistici. Siamo andati in Norvegia negli ‘allevamenti intensivi’ per capire cosa ci ritroviamo nel piatto. E il salmone lo abbiamo anche fatto analizzare. I risultati non sono rassicuranti. Il viaggio continua nelle acque italiane non certo cristalline per affrontare il problema dei cosiddetti interferenti endocrini, che hanno trasformato la natura e il sesso dei pesci. Tanto da farci pensare davvero di non saper più che pesci prendere”

Vi proponiamo un breve estratto del documentario:

Indovina chi viene a cena

In che condizioni viene allevato il salmone norvegese?Indovina Chi Viene A Cena #Rai3

Geplaatst door Rai3 op Dinsdag 28 maart 2017

 

➡️➡️➡️ Continua e vedi il documentario RAI sul salmone di allevamento (durata documentario: 20 minuti) iscrivendoti al nostro corso di educazione alimentare FOOD SHOP ASSISTANT


Food Shop Assistant

 

Vuoi capire meglio quali marche di salmone acquistare e quali evitare?

ISCRIVITI SUBITO al nostro Corso di educazione alimentare FOOD SHOP ASSISTANT

ed evita per sempre i prodotti ingannevoli!


Food Shop Assistant

—————————-