• Tortellini da supermercato (nel ripieno)
  • Wurstel
  • Polpette
  • Cotolette
  • Cordon bleu
  • Spinacine
  • Lasagna al forno confezionata

Sono tutti prodotti quasi sempre fatti con la carne separata meccanicamente, un preparato a base di carni ricavate da scarti industriali della macellazione e trattate con vari additivi tra cui l’ammoniaca e il nitrito di sodio! Senza contare che la carne che utilizzano queste industrie è già insalubre di per sé in quanto proveniente dagli allevamenti intensivi e da animali sfruttati, stressati e dopati farmacologicamente e forzatamente con antibiotici, ormoni della crescita e pesticidi presenti nei mangimi con cui vengono alimentati. Inoltre, sono sempre animali forzati ad una alimentazione ipercalorica e continua, al fine di massimizzare il loro accrescimento in tempi rapidi e del raggiungimento di un peso più alto possibile, che permette maggiori guadagni agli allevatori e all’industria finale che mette in vendita le carni. Per cui, anche se fosse filetto…non cambierebbe molto!

Cos’è di preciso la carne separata meccanicamente

La carne separata meccanicamente è un prodotto della macellazione di cui non si parla volentieri. Sulle etichette deve essere citata, ma le aziende spesso cercano di farlo in modo poco evidente, attraverso caratteri tipografici microscopici, oppure impiegando asterischi a fianco della scritta “carne di pollo” che rimandano a zone remote della confezione. I produttori cercano in tutti i modi di camuffarne la presenza perchè si tratta di quello che rimane delle carcasse spremute di pollo o di tacchino dopo avere tolto ali, cosce e petto. Il tutto viene poi sottoposto ad alta pressione in uno speciale tritacarne dal quale esce una poltiglia rosa utilizzata per produrre i wurstel e altri piatti. C’è anche la carne separata meccanicamente ottenuta dalle ossa del maiale, in questo caso però si usano più spesso macchinari meno invasivi, in grado di togliere le fibre muscolari rimaste, con uno strumento  a bassa pressione, per cui alla fine  si ottiene un prodotto che assomiglia alla carne macinata.

La carne separata meccanicamente deve essere indicata in maniera chiara sulla lista ingredienti del prodotto, per obbligo di legge! Si veda un esempio di una confezione di wurstel, qui sotto, alla voce “pollo” e “tacchino” seguite dall’asterisco

 

La provenienza delle carni separate meccanicamente non è specificata

su tutti questi prodotti la provenienza della carne separata meccanicamente non è specificata, perchè il Regolamento europeo sull’etichettatura dei prodotti alimentari entrato in vigore ad Aprile 2015 non obbliga le aziende ad indicare l’origine delle carni trasformate. Mentre sulle carni fresche (fettine, macinato, bistecche ecc.), la tracciabilità è obbligatoria in etichetta.

Siamo consapevoli che molte persone non si scandalizzeranno affatto di queste preparazioni industriali, però va tenuto presente anche il fatto che il tumore al colon (intestino) in Occidente è in forte aumento e che si tratta di uno di quei tumori chiaramente legati al cibo che si mangia, dato che l’intestino è l’organo del nostro corpo che ha più a che fare col cibo, ogni giorno e più volte al giorno. Se questi tumori aumentano così bruscamente ci sarà pure un qualche collegamento con la dieta occidentale moderna e con il cibo di tipo industriale, non credete? L’importante è  comunque conoscere ed essere informati il più possibile su quello che acquistiamo e mangiamo, poi ognuno può decidere in tutta libertà di continuare a comprare alcuni alimenti oppure scegliere di farne a meno.

VIDEO sulla carne separata meccanicamente

Segui il Blog di Cibo Serio: https://ciboserio.it/blog/

Seguici sulla Pagina Facebook: https://www.facebook.com/ciboserio/

?✅ SCOPRI SUBITO TUTTI I CIBI DI QUALITA’ CONSIGLIATI DA CIBO SERIO nel corso completo di Educazione alimentare e spesa consapevole Food Shop Assistant
?? FOOD SHOP ASSISTANT
Seguici nei Social
Facebook
Website
Email
Instagram